Verrai reindirizzato tra secondi

monzaebrianzainrete

Villa Litta Modigliani

Villa Litta di Vedano al Lambro fu costruita, su una precedente dimora gentilizia dei Gallarati Scotti, a metà Ottocento per volontà del duca Giulio Litta Visconti Arese, su progetto dell’architetto Luigi Chierichetti, secondo curiose linee che rimandano allo stile neogotico inglese.

 

Villa Litta Modigliani a Vedano al Lambro - dalla guida "Monza e Brianza - arte, natura e cultura di una provincia da scoprire" della Provincia di Milano - progetto Monza e Brianza

 

 

All’interno spiccano le decorazioni di gusto romantico di Luigi Scrosati e la scultura Preghiera del mattino di Vincenzo Vela.

 

L’ampio parco, continuazione di quello di Monza, è caratterizzato da aree agricole e ospita la roggia dell’Arciduca, che forniva acqua alla Villa Reale.

 
La storia della duchessa Litta

Eugenia Attendolo Bolognini nacque nel 1837 da Eugenia Vimercati Sanseverino e dal conte Gian Giacomo, raffinato collezionista. Nel 1855 sposò il duca Giulio Litta, che partecipò ai moti rivoluzionari del ‘48.

 

La duchessa, ricordata come donna di particolare bellezza, condivise le posizioni del marito e tenne un raffinato salotto a Milano. Ebbe due figli, Pompeo e il prediletto Alfonso, che morì nel 1891, avuto a seguito della lunga relazione intrecciata col re Umberto I. Benefattrice dell’Ospedale Maggiore di Milano, dedicò un padiglione al figlio morto prematuramente.

 

Morì a Vedano al Lambro alle soglie della Guerra Mondiale.

 

(Testi di Andrea Spiriti e Laura Facchin dalla guida "Monza e Brianza - arte, natura e cultura di una provincia da scoprire" della Provincia di Milano - progetto Monza e Brianza)